La Biobanca come risorsa preziosa per la ricerca biomedica e le nuove tecnologie

La biobanca di ricerca dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR (BB IFC-CNR) è certificata secondo la norma ISO 9001:2018 dal 2020 e si occupa della raccolta e conservazione di materiale biologico umano e animale per attività di ricerca finalizzate all’avanzamento delle conoscenze scientifiche di malattie cardiometaboliche, neurodegenerative, tumorali, etc.

Lo scopo della BB IFC-CNR è di costituire uno strumento essenziale di supporto alla ricerca all’interno del contesto della medicina di precisione, la cui priorità è di offrire al paziente la miglior cura nel modo più mirato possibile.

biobanca

In questo ambito di attività, è fondamentale avere accesso a grandi numeri di campioni e poter disporre di dati di qualità. Una adeguata conservazione dei campioni è indispensabile per poter fornire alla ricerca il materiale ottimale a partire dal quale, mediante tecnologie sempre più avanzate, si possano compiere studi mirati, al fine di definire nuovi strumenti di prevenzione, diagnosi e cura di malattie complesse, nella cui patogenesi molteplici fattori ambientali interagiscono con fattori di tipo genetico.

Per far fronte ad una moderna ricerca traslazionale, l’IFC-CNR ha attivato una partnership con Air Liquide Sanità Service, in grado di assicurare la tecnologia, l’esperienza e la professionalità necessarie per la realizzazione di un impianto di gestione e conservazione in criogenia di campioni biologici con i più qualificati standard ed i più alti livelli di sicurezza.

Requisiti strutturali e tecnologici

Il nucleo della struttura è una sala di circa 200 metri quadrati in grado ospitare un numero massimo di 28 criocontenitori, ognuno avente una capacità massima di 20000 (in caso di Espace331) e 40000 (in caso di Espace661) provette criogeniche di campioni biologici. I criocontenitori sono alimentati mediante una linea di distribuzione sottovuoto dell'azoto liquido presente in un serbatoio posto all’esterno della struttura, in un’area protetta. 

Attività

La Banca Biologica svolge servizio di conservazione di campioni a medio-lungo termine per attività di ricerca. Tutti i Ricercatori dell'IFC-CNR e i ricercatori di altri enti e istituzioni di ricerca e assistenza pubbliche e private, nell'ambito di collaborazioni approvate, possono usufruire del servizio offerto dalla Banca Biologica.

L’attività e la sicurezza della Banca Biologica sono definite da un Regolamento Istituzionale e da linee guida pubblicate dal Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie (CNBB)1, dal Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB)2.

 

Staff

Comitato di gestione

Responsabile e Coordinatore: Laura Sabatino

Referente Area Cardiovascolare: Chiara Caselli

Referente Area Neurometabolica: Maria Angela Guzzardi

Referente Qualità: Michela Poli

Personale tecnico

Responsabile Tecnico: Stefano Turchi

Responsabile Informatico: Gabriele Trivellini

Tecnico: Elisa Ferrari

Contatti

Per informazioni/chiarimenti: 050-3152659, 050-3152130

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1https://cnbbsv.palazzochigi.it/media/1629/2006-19-aprile-biobanche_1.pdf

2https://bioetica.governo.it/media/3120/p78_2006_biobanche-materiale-biologico-umano_it.pdf